Author Archive

L’incessante declino della homepage

Ci comportiamo come se avessimo una homepage, ma ne abbiamo parecchie e ne curiamo una sola.

La soddisfazione del cliente non è un buon indicatore del comportamento del cliente

La customer satisfaction ha una relazione molto debole con la probabilità che il cliente continui a rimananere fedele al marchio. Forse lo sarebbe se la lealtà fosse una strada a due sensi.

La differenza basilare tra pubblicare online e stampare

I siti web vengono ancora gestiti come se il contenuto non fosse digitale. La carta col tempo scompare, ma il contenuto digitale prolifera fino a strangolare il il sito.

La comodità del cliente

La facilità dei processi di acquisto ha un impatto sulle vendite 4 volte maggiore dell'Engagement e del Branding, ma le aziende puntano tutto sulle queste ultime.

Il ruolo dei contenuti nel progetto del self-service

Il self service è l'essenza del web, ma per le attività complesse, o critiche, spesso il self service si dimostra peggiore e più costoso dell'interazione con un assistente umano.

‘Customer Centric’ e ‘Facilità d’Uso’ sono il nuovo modello di business (la storia di Alibaba)

I business che hanno scritto le pagine dei successi più clamorosi, hanno quasi tutte un cosa in comune: mettono il cliente al primo posto. Questo non viene gratis, perché significa mettere al secondo o al terzo posto l'organizzazione e gli investitori, per esempio.

I professionisti del Web devono essere ‘costruttori di ponti’

Lo specialista da solo non ha futuro, il nuovo mestiere è creare canali di comunicazione, rendersi conto di quello che sono: parti vitali di un unico grande puzzle.

Quello che le content farm ci insegnano sui contenuti

Catie & Linds Gerry McGovern articolo orginale: What content farms teach us about content 12 Gennaio 2014 Sul Web, il contenuto ci mette in grado fare qualcosa. Una mania di pochi anni fa erano le “content farm“. Tuttavia, come Andrew Wallenstein ha scritto nel 2013 per Variety, “Il futuro delle cosiddette content farm appare

Quando un’attività di minimo interesse per il cliente è importante per l’organizzazione

Abbiamo una attività che per noi è importante ma non per il cliente, come lo spingiamo a farla? Grandi banner animati in tutte le pagine che visita? Popup che interrompono il suo processo? Link 'trappola' che al passaggio del mouse aprono finestre? Dall'evidenza dei numeri emerge invece questo risultato sorprendente: aiutiamo il cliente a

Quante informazioni dovreste dare online ai clienti?

Nelle vendita online, dire ai clienti tutto ciò che vogliono sapere è una buona tecnica di marketing? Un caso reale di Marketing inverso: il cliente pubblicizza le sue necessità e il venditore gli concede tutta la sua attenzione.