copywriting Archive

In che modo Google “comunica”?

La comunicazione in un'economia digitale

Il peso pubblicitario e la notorietà

La cura con cui si confeziona il messaggio promozionale può aumentare di 10 volte il rendimento dell'annuncio.

La sfida per gli scrittori dei contenuti web

La missione contronatura del web writer: spogliare i contenuti fino all'osso.

L’incessante declino della homepage

Ci comportiamo come se avessimo una homepage, ma ne abbiamo parecchie e ne curiamo una sola.

Quand’è che un blog è la giusta forma di Content Marketing?

Non sempre il blog è positivo per il business e per la SEO; quando un blog non è una buona idea.

E’ tempo di dimenticare il “Fold”

"Above the fold" è stato per oltre un decennio, uno dei principali criteri della visibilità dei contenuti web. In pochi anni, una rapida evoluzione del comportamento degli utenti, spinta dall'uso intensivo dei dispositivi mobile e di abuso dei banner, ha sgretolato questo pilastro dell'usabilità.

Quante informazioni dovreste dare online ai clienti?

Nelle vendita online, dire ai clienti tutto ciò che vogliono sapere è una buona tecnica di marketing? Un caso reale di Marketing inverso: il cliente pubblicizza le sue necessità e il venditore gli concede tutta la sua attenzione.

Evitate i “Dirty Magnet” nel progetto della navigazione

Link e contenuti sono ciò di cui è fatto il Web. Sono il motivo ed il mezzo che muovono le persone verso i loro obiettivi su Internet. Non c'è altro di altrettanto importante su un sito web, quindi è meglio curarli come si deve.

Risolvere il problema del ‘cliente invulnerabile’

Il Neuromarketing è una disciplina emergente che applica i principi delle neuroscienze al processo decisionale della vendita. Una applicazione tipica è vincere le resistenze all'acquisto, mettendo in sintonia il cliente con il venditore, che è la premessa ideale per la vendita. Un esempio eloquente è il post di Roger Dooley, esperto ed autore di un

Non avete bisogno di una strategia ‘Mobile’

I dispositivi mobili ormai rappresentano una realtà consistente per l'e-commerce e molte aziende reagiscono a questo cambiamento, così come hanno reagito all'entrata in scena dei social media: precipitandosi a creare una presenza nel nuovo spazio verso cui sembrano spostarsi le mandrie di clienti. E' questo il punto: reagiscono al nuovo fenomeno, invece di pianificare,