Il mondo delle opportunità per il link building, oltre i blogger

James Agate

articolo orginale:

The World of Link Opportunities Beyond Bloggers

moz logo

7 Maggio 2014

Ci sono molte dispute intorno ad argomenti come i guest post, in cui si proclama la morte delle tecniche e si decretano i blog come tossici, ma resta il fatto che gestendo nel giusto modo la ricerca di contatti con i blogger, è possibile ottenere dai blog, un valore enorme.

Pubblico mirato, gestito da blogger appassionati e ricettivi; questo genere di opportunità non dovrebbe perdere valore. Se osservate con distacco il vostro profilo di link, è molto probabile che sia fortemente sbilanciato verso i blog, forse è il risultato di guest post, citazioni editoriali, gare, o altro.

Comunque sia, nonostante tutto il valore che questi link vi portano (parlando in generale), tracciano un profilo di link, che appare sbilanciato verso un solo tipo di siti web. I link dai blog possono venire sfruttati troppo e la realtà di essere un SEO nel 2014, è che è sempre opportuno diversificare i modi in cui si ottiengono i link (a prescindere di quale colore sia il cappello che si indossa – black o white hat – n.d.t.). E’ necessario essere consapevoli e artefici vostro profilo di link. leggi il seguito …

I professionisti del Web devono essere ‘costruttori di ponti’

Gerry McGovern

articolo orginale:

Web professionals need to be bridge builders

13 aprile 2014

Un grande punto di forza dell’essere umano è l’amore per la comunità. Una grande debolezza umana è l’avversione per gli estranei.

Amiamo così tanto le nostre tribù. Mi ricordo che anni fa, ero seduto in un workshop con un sacco di altri professionisti del web e c’era una discussione accesa e appassionata, sulle differenze tra l’architettura dell’informazione, la user experience, l’esperienza del cliente, il progetto dei servizi, la gestione dei contenuti, il web design. E non proviamo neanche ad avvicinarci alla programmazione del software, il branding, il marketing e la search engine optimization. leggi il seguito …

Il più grande equivoco del content marketing – Whiteboard Friday

Video originale

Rand Fishkin

moz logo

trascrizione dal video orginale:

The Greatest Misconception in Content Marketing – Whiteboard Friday

25 Aprile 2014

Salve fan di Moz e benvenuti a questa nuova puntata di Whiteboard Friday. Oggi parleremo del content marketing e in particolare, di quel malinteso, quel mito gigantesco, che si è creato nel settore del content marketing, su come funziona davvero questa pratica.

E’ un equivoco che colpisce un sacco di gente; fa del male a chi lavora sul lato SEO, alle persone che lavorano sui social media, a chi investe effettivamente nello sviluppo dei contenuti. Fa male ai team, ai dirigenti ed alle persone che pianificano e definiscono le strategie sulla base di quali obiettivi il content marketing può e non può conseguire e su come dovrebbe funzionare. leggi il seguito …

Pensare al ciclo di vita (non spezzate il legame)

Seth Godin

articolo orginale:

Thinking lifetime (don’t break the chain)

11 Aprile 2014

Il commesso viaggiatore, l’imbonitore delle fiere e l’uomo d’affari di una volta, potevano permettersi di colpire e scappare; concludi la vendita, taglia i costi e passa oltre.

Invece oggi, nell’economia della connessione, agiscono due fattori enormemente importanti:

1. la sottoscrizione. Il lifetime value di un cliente che è sempre maggiore (della vendita – n.d.t.). Nel corso del tempo potrebbe fare acquisti per 50 mila dollari in uno stesso negozio di alimentari. Se possiede una stampante a getto d’inchiostro, potrebbe arrivare a un migliaio di dollari all’anno di spese per gli inchiostri, con un margine di profitto che si avvicina al 90% …

2. Diffondere l’informazione. Ogni cliente è anche un mezzo di comunicazione e un editore, se sceglie di esserlo. Ciò significa che le notizie cattive si diffondono lontano e velocemente (e che i prodotti e servizi notevoli necessitano di budget pubblicitari inferiori).

Ma questo per le aziende sembra essere di una difficoltà quasi insormontabile da accettare.

leggi il seguito …

Come avere ricerche per brand ottimali – Whiteboard Friday

Video originale

Rand Fishkin

moz logo

trascrizione dal video orginale:

Getting Branded Searches Right – Whiteboard Friday

11 aprile 2014

Salve fan di Moz, e benvenuti a questa puntata di Whiteboard Friday. Oggi parleremo di come ottimizzare per i termini di ricerca relativi al brand. Le ricerche sui termini che contengono un marchio sono molto importanti, perché quando la gente esegue un’interrogazione su una marca (la vostra marca più qualche modificatore, come un sostantivo, magari cercano qualche informazione in giro sulla vostra azienda e sul vostro marchio) volete essere sicuri di comparire sui motori di ricerca, nel modo giusto.

Qui, una delle sfide, è che come specialisti SEO, il più delle volte pensiamo a prendere di mira le ricerche che ci possono portare nuovo traffico; il che significa spesso, ricerche non relative al marchio (unbranded). E’ quando le persone non hanno ancora deciso la marca. Ma le ricerche per i termini “brandizzati” sono straordinariamente importanti; in effetti totalizzano un enorme volume di interrogazioni su Google, Bing e Yahoo. leggi il seguito …

I segreti dei risultati di Amazon

Bryan Eisenberg

da ClickZ.com

#CZLNY: Amazon’s Performance Secrets

Per anni abbiamo osservato i successi di Amazon. Questo articolo svela alcuni segreti su ciò che le procura quell’incredibile successo e la rende un concorrente temibile per ogni altra azienda.

E’ stato un grande onore poter fare la presentazione inaugurale di ClickZ Live in New York (#CZLNY), questa settimana e mi è stato chiesto di condividere alcune delle cose di cui ho parlato.

Per anni abbiamo osservato con attenzione Amazon e (alla presentazione) ho raccontato alcuni segreti che abbiamo scoperto, su come ottengono successo clamoroso. Dite quello che volete su di loro, ma sono un concorrente fortissimo per ogni azienda. Ma ciò che più ammiriamo dell’approccio al business di Jeff Bezos, è che è replicabile da quasi ogni altra impresa oggi presente sul mercato online. E’ semplice, ma non è facile.

Amazon.com ha venduto il suo primo libro nel luglio del 1995. Hanno concluso il 2013, con un valore delle vendite, di 74,45 miliardi dollari di prodotti. Ogni genere di prodotti.

leggi il seguito …

Come può l’ottimizzazione SEO per il mobile aiutare il mio business se non è né mobile né locale? – Whiteboard Friday

Video originale

Rand Fishkin

moz logo

trascrizione dal video orginale:

How Can Mobile SEO Help my Non-Mobile or Local Business?

21 Marzo 2014

Salve, fan di Moz, e benvenuti a questa nuova puntata di Whiteboard Friday. Questa settimana ho pensato che fosse molto interessante il fatto che Google abbia dichiarato che il volume di ricerca da mobile potrebbe superare quello dai desktop entro la fine del 2014. Per cui l’anno prossimo, nel 2015, potremmo vivere in un mondo dove ci saranno più ricerche dai dispositivi mobili che da desktop e laptop. Questo fatto è affascinante. Ma penso che sia molto importante arretrare di qualche passo per avere la visione di quello che sta succedendo, per poi mettere in pratica le conclusioni: “come può la SEO mobile e la ricerca mobile aiutare effettivamente la mia azienda, anche se non sono un servizio locale o un business mobile?”

leggi il seguito …