Perché 100 veri follower sono tutto ciò che vi serve

Tim Soulo

articolo orginale:

Why 100 True Followers Is Really All You Need

logo-small 2

Nel 2008 Kevin Kelly scrisse un articolo in cui suggeriva che “un artista ha bisogno solo di 1000 fan autentici per avere di che vivere“.
Quell’articolo generò un bel po’ di discussioni ed è stato tradotto in altre nove lingue.

Beh, siamo nel 2015 e mi piacerebbe rivisitare quel pezzo.

Infatti ho intenzione di applicare il concetto di Kevin ai vostri follower sui social media e spiegare perché penso che 100 veri seguaci di Twitter, siano davvero tutto ciò che serve.

I veri follower

Un “vero follower” è qualcuno che fa con entusiasmo tutti questi piccoli favori che potreste chiedere su Twitter:

  • andrà a vedere ogni link dei vostri tweet,
  • farà un tweet di ogni articolo che pubblicate,
  • farà retweet dei vostri messaggi ogni volta che glielo chiederete,
  • risponderà ai vostri tweet,
  • voterà i vostri articoli su siti delle community, ecc…

Detto questo, quanti dei vostri follower di Twitter sono “veri” follower?

In media meno dell’1% dei vostri follower clicca sui link che tweettate. E questa cifra peggiora ancora al crescere del numero di vostri follower:

Twitter-CTR-Chart
Fonte: Mashable

Diamo un’occhiata ad alcuni esempi reali.

Mari Smith ha 345K followers su Twitter e siccome fa tweet di un sacco di link confezionati con Bit.ly, si può facilmente verificare quanti clic ne ricava; basta che prendiate uno qualsiasi dei suoi link bit.ly e che aggiungiate il simbolo “+” alla fine.

Come questo: https://bitly.com/1CO7BVf+

bitly-clicks-mari-smith
(Al momento i numeri sono cresciuti, ma il principio resta verificato – n.d.t.)

Ho controllato solo alcuni dei suoi link e hanno ottenuto ovunque da 30 a 130 clic, il che significa che la CTR è di circa 0,03%.

Ora, se si guardano le mie statistiche, si vede che sto raccogliendo da 0 a 5 clic su miei link Bit.ly, pur avendo 2.500 follower, il che significa che il mio CTR è di circa lo 0,2%:

tim-soulo-bitlinks

Queste cifre sono ovviamente molto grossolane, ma rendono l’idea.

Perché avete bisogno di solo 100 veri follower

La maggior parte delle persone vuole far crescere il suo seguito, perché pensa che sia ciò che porta il traffico da Twitter; ho smentito questo mito un sacco di volte (e Mari Smith con i suoi 345K follower e 130 clic sul suo link è uno di questi argomenti che non si può confutare).

I vostri tweet non vi portano traffico. I tweet di centinaia di altre persone sì.

Allora perché avete comunque bisogno di questi 100 veri follower?

1. PROVA SOCIALE

Avere 100 veri follower significa che ogni articolo sul vostro blog ha 100 tweet garantiti. Il fatto che un centinaio di persone abbiano fatto un tweet sul vostro articolo, vi dà un sacco di punti di credibilità agli occhi del resto dei vostri visitatori.

E poi sarà più probabile che qualcuno faccia un tweet sul vostro articolo, quando vede che un centinaio di altre persone lo già fatto (questo è chiamato comportamento prosociale ).

Date un’occhiata al blog di SocialMediaExaminer:

sme-lots-of-tweets

Qualsiasi articolo sul loro blog otterrà oltre 1000 tweet entro 10 minuti dalla sua pubblicazione. Ecco perché hanno un sacco di “veri follower”, che lanciano automaticamente tweet utilizzando servizi come TwitterFeed.

BONUS: Scaricate il mio ebook gratuito con i 15 migliori strumenti per Twitter Marketing!

2. TRAFFICO

Bene, tutti i 100 veri follower hanno appena twittato il vostro articolo. quante nuove visite vi porterà? Anche se ognuno di loro tweet otterrà un solo clic sono sempre un centinaio di nuovi visitatori sul vostro blog!

Diamo un’occhiata a chi ha twittato questo grande articolo su BoostBlogTraffic: https://bitly.com/1D5Y777+

article-bitly-clicks

Potrebbe sembrare che i ragazzi di Buffer siano i responsabili della maggior parte dei clic, ma solo finché non si guarda la frase a cui punta la mia freccia rossa:

“Ci sono altri 1829 Bitlinks a questi contenuti che hanno ricevuto 1.319 click”.

Il che significa che il 60% di tutti i clic a questo articolo sono venuti dalla gente comune che l’hanno twittato e credo che una buona parte di queste “persone comuni” siano state i “veri fan” di Buffer.

3. PICCOLI FAVORI

Dopo aver presentato la mia guida strategica alla scrittura su Inbound.org ho subito chiesto ai miei follower di Twitter di votarmi.

In particolare c’era un tizio che reteewttava ogni mia richiesta di aiuto; il suo nome è Daniel Piñero e la ragione per cui mi era così di supporto è che precedentemente mi aveva contattato con un paio di domande sul blogging ed io avevo fatto del mio meglio per aiutarlo.

In quel momento ho pensato che avrei voluto avere più persone come Daniel che mi seguono su Twitter.

Tutto quello che mi serviva per arrivare alla prima pagina di Inbound.org erano altri di 5 voti e seppure avessi 2.500 follower su Twitter, fra loro non avevo neppure 5 “veri follower”.

4. FOLLOWER MINORI

Non c’è modo di attirare un centinaio di veri follower, senza guadagnare un paio di migliaia di follower minori lungo la strada. Ogni piccola cosa che fate per ottenere e mantenere l’interesse dei vostri veri follower vi aiuterà ad attirare sempre più follower minori.

Ecco come lo dice Kevin:

“Questa piccola cerchia di fan irriducibili, che possono darti di che vivere, è al centro di cerchi concentrici di fan minori. Queste persone non comprano tutto quello che fai e possono non cercare il contatto diretto, ma comprano molto di ciò che produci.
I processi che sviluppi per alimentare i veri fan nutrirà i fan minori. Mentre acquisite nuovi veri fan, potreste anche acquisire molti altri fan minori. Se andate avanti, potreste davvero finire con milioni di fan e raggiungere il successo”.

Concentratevi sui vostri veri follower

Un centinaio di “veri follower” sembra un obiettivo assolutamente fattibile, soprattutto quando si dispone già di un paio di migliaia “seguaci minori”.

Rendere una persona interessata a quello che fate è abbastanza facile; io raccolgo una dozzina di autentici follower ogni volta che scrivo un articolo guest. La parte più difficile è mantenere il loro interesse nel tempo. Direi che questa è la risposta alla domanda sul perché Rand Fishkin è così selettivo riguardo la sua condivisione sociale.

Allora non dovreste smettere di concentrarvi sulla quantità dei follower e iniziare invece a pensare a dei modi per portare il vostro rapporto con loro al livello successivo?

Immagino di non essere il più adatto a parlare dei modi di trasformare i “follower minori” in quelli “veri”, perché non ne ho molti. Ma una cosa che so per certo è che una connessione personale ed è un requisito indispensabile.

Allora, cosa ne pensate del concetto dei “100 veri follower”? E quanti “veri follower” credete di avere?

Tim SouloTim Soulo

Traduzione di

Stampa articolo Scarica il file in formato PDF

Elenco Articoli di Tim Soulo

Post A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *