Una tattica semplicissima per migliorare il ranking su Google Local

Di Rand Fishkin

SEOmoz

articolo orginale:

One Dead Simple Tactic for Better Rankings in Google Local

2 Marzo 2010

Questo post è breve e facile da seguire, proprio come la tattica che si raccomanda. Quasi tutti quelli che ottimizzano per Google Local (conosciuto anche come Google maps) ha familiarità con l’eccellente e spesso citata “Local Search Ranking Factors” di David Mihm.

In quel documento ed in molti altri posti dove vengono analizzati i risultati locali, risulta chiaro che inserendo il vostro business o sito web in più liste, è un modo coerente è una cosa molto ben fatta. Eppure, in qualche modo, questa tattica banale manca in molte raccomandazioni per l’ottimizzazione su Google local, oppure è così ovvia che nessuno sente il bisogno di parlarne. Comunque sia, ora è disponibile 🙂

Fase 1: fate un bel po’ di ricerche relative al vostro Business ed alla vostra zona

Ricerca su Google per 'thai' 'seattle'

Diciamo che state lavorando sulla SEO local, per un ristorante tailandese a Seattle, Washington. Le ricerche che potreste eseguire includono:

State cercando i risultati che mostrano imprese concorrenti o strettamente correlate, quindi date sfogo alla vostra creatività.

Fase 2: Identificate un gruppetto (o qualche dozzina) di imprese che guadagnano ripetutamente le posizioni di preminenza.

Risultati Local per 'thai' 'Seattle'

Si potrebbe procedere in modo formale creando un foglio di calcolo per eseguire un monitoraggio e identificarle, oppure iniziare seguendo l’istinto e scendere nel dettaglio più avanti nel processo. Per gli elenchi meno competitivi, un approccio informale può andare sicuramente bene.

Fase 3: Andate al “Business profile” di ognuno di questi

'thai' 'food' link da cliccare

Non fare clic sul titolo dell’elenco, seguite invece i link alle recensioni di ciascuna delle imprese dei vostri concorrenti. Troverete una pagina con le informazioni sulle attività commerciali, recensioni ed elenchi di dati che Google ha trovato su di loro.

Fase 4: Fate clic sui link per “More about this place”

'thai' link 'more'

La sezione “more about this place” della lista di attività, evidenzia brevi frammenti di testo, i titoli e gli URL dove Google, ha trovato informazioni rilevanti riguardo a quel business. Questa è la vostra potenziale miniera d’oro per scoprire le fonti su cui essere citati e da cui ottenere link.

Passo 5: andate su questi siti e fate in modo di aggiungere anche il vostro business o di aggiornarne le informazioni.

'thaiku' elenco di opportunità

I domini elencati sono posti da cui Google sta estraendo le informazioni sulla vostra azienda. Qui è dove l’algoritmo Maps entra in gioco: si basa non solo sul numero di inserzioni, ma sulla qualità delle fonti e la loro coerenza. Ogni vostro annuncio deve essere perfettamente coerente con gli altri, fino al prefisso del numero di telefono per prenotare ed anche il formato del numero privato (ad esempio: 1221 E Pike Street East, 1221 Pike Street, E Pike Street Suite 200, 1221 East Pike Street # 200, sono tutte differenti; non fate questo errore).

Per fare un esempio, ho visitato un link della lista Thaiku nell’esempio sopra, che puntava all’Elenco dei Local Business della Directory Intuit (non sapevo neanche che ne avevano uno fino ad ora) e potrei quindi aggiungere SEOMoz all’elenco o modificarne l’annuncio.

Intuit local business directory

Oltre alla potenziale spinta sul posizionamento locale, la maggior parte di queste fonti danno la possibilità di guadagnare link! Anche se non siete molto interessati ai risultati locali in se stessi, questo è un modo abbastanza straordinario per ottenere alcuni link di buona qualità da siti affidabili.

Fase 6: Ripetere i passi 4 e 5 per le sezioni “Reviews” e “User content”

link 'reviews' e 'user content'

Se siete ancora più affamati di fonti, potete guardare da dove provengono i riferimenti degli altri concorrenti e / o tornare alla pagina dell’elenco delle attività in Google Maps / local e scegliere tra le “reviews” e “user content” per avere ancora più sorgenti potenziali da esplorare. Similmente al link building manuale della fine degli anni ’90, la perseveranza e la grande attenzione per i dettagli vi porteranno lontano.

In giro ci sono servizi automatizzati per aiutarvi in questo processo, ma non ne ho ancora visto uno su cui mi sento completamente a mio agio. Il problema più grande è l’importanza cruciale di essere inseriti in una lista e la necessità di coerenza delle informazioni. Quando i sistemi automatizzati sottomettono una richiesta di inclusione, possono inserire il numero civico di un appartamento nel posto sbagliato, tagliare un numero di telefono perché il form non accetta i trattini o confermare un URL che non corrisponde a quello che avete presentato altrove.

Per ora, vi consiglio di andare sul sicuro e spenderci le ore che servono (anche se saranno una dozzina o due) per ottenere quei 50-250 annunci corretti. Google vi ricompenserà con posizionamenti locali e traffico di alta qualità.

P.S.
La prossima settimana sarò giù a Portland per il SEMpdx’s Searchfest e spero di trascorrere del tempo con alcuni veri esperti di ricerca locale e forse condividere alcune informazioni tattiche di ultimo grido 🙂

Rand FishkinRand Fishkin

Traduzione di

SEOmoz non è affiliato con questo sito e non ha visionato questa traduzione. SEOmoz fornisce i migliori strumenti e risorse SEO del Web.

Stampa articolo Scarica il file in formato PDF

Elenco Articoli di Rand Fishkin

Post A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *