Progettare un sito web per i bambini: una vera sfida

Jane Quibly

UsabilityGeek-Logo-small

articolo orginale:

Designing A Child-Friendly Website: A True Challenge
2 dicembre 2013

I web designer non pensano spesso a progettare siti web adatti ai bambini, fino al momento in cui si devono considerare i bambini di uno specifico gruppo di età, come target. Un decennio fa era impensabile che un bambino di tre anni fosse in grado di usare un computer, oggi svariati siti web sono progettati appositamente per loro.

Nell’ultimo decennio la proliferazione di hardware a prezzi accessibili e l’esplosione dei giochi, dei siti di social networking, delle TV via cavo e satellitare e degli smartphone e le loro applicazioni, hanno avuto l’effetto del pifferaio magico sulla generazione dei bambini, che oggi sono cresciuti. I vantaggi incomparabili del potere che Internet conferisce ai suoi utenti, ora rischiano di essere superati dal richiamo del lato non informativo di questa tecnologia.

img1

esempio di progettazione di sito per bambini da PBSKIDS. I siti web progettati per i bambini sono spesso caratterizzati da ampie zone cliccabili e colori brillanti.

Noi, come adulti, sia nel ruolo educativo che di genitori, come possiamo affrontare questo problema? In giro c’è la conoscenza per ottenere delle risposte, date un’occhiata all’ottimo sito Quib.ly ed al suo contenuto informativo e istruttivo. I problemi verrenno dibattuti nel forum dove le persone possono condividere esperienze comuni e ottenere consigli da esperti nel campo delle tecnologie educative, della sicurezza dell’informazione digitale e dello sviluppo del bambino.

Abitudini dei bambini su Internet

Nel 2012 Nielsen Norman Group ha condotto uno studio sulle abitudini Internet dei bambini di età compresa tra 3 e 12 anni. Quel rapporto è basato su studi reali sugli utenti, al fine di offrire una comprensione approfondita dei veri problemi di usabilità vissuti dai bambini.

Un aspetto che è emerso dallo studio, è il fatto che la maggior parte delle persone credono che tutti i bambini abbiano accesso alle forme più avanzate della tecnologia, come i telefoni cellulari di ultima generazione, personal computer, computer portatili e tablet PC. Invece la realtà è che i bambini di età inferiore ai 12 anni hanno accesso solo ai computer desktop e portatili vecchio stile.

img2
esempio di progettazione di sito per bambini da ABCmouse.com

Se un sito web che si rivolge ai bambini ha troppi componenti, allora su un piccolo schermo, per loro sarà ancora più difficile da navigare.
I bambini di età compresa tra 3 e 12 anni non sono così dipendenti dai computer per completare i loro compiti o attività scolastiche, quindi spesso hanno solo dei computer, precedentemente utilizzati dai loro genitori e in nessun caso sono dotati di tecnologia avanzata come gli ultimi computer. In realtà i bambini dispongono quindi di computer con processori più lenti e di conseguenza, potrebbero essere limitati nei loro tentativi di connessione a internet.

Lo stesso vale per i computer a scuola. Questi computer sono spesso donati da grandi aziende, quando acquisiscono una tecnologia più recente. I bilanci scolastici sono in gran parte limitati e le nuove tecnologie non stanno in cima alla lista delle priorità di gestione. Per le scuole non è inaudito utilizzare la stessa tecnologia per cinque anni, a volte anche di più.

I bambini comprendono davvero la tecnologia di oggi?

La maggior parte degli adulti vi dirà che i bambini comprendono la tecnologia che usano, meglio degli adulti stessi. Ma questo non è vero. C’è una grande differenza tra sapere COME funziona la tecnologia e sapere realmente COSA dovrebbe fare una tecnologia. Il ragionamento dei bambini sembra relativamente semplice: non si sentono particolarmente inclini a comprendere con chiarezza il funzionamento di Internet, prima di usarla.

img3

esempio di progettazione di sito per bambini da play-doh. I bambini “non si sentono particolarmente inclini a comprendere chiaramente il funzionamento di Internet, prima di usarla”. Ciò apre sicuramente la prospettiva di alcune sfide interessanti per i siti di e-commerce rivolti ai bambini.

Questo modo di ragionare “semplice” rende ancora più importante per i web designer, non sopravvalutare la conoscenza dei bambini su Internet.

I bambini non comprendono il concetto di pazienza online

Anche da adulti, smettiamo di visitare un particolare sito quando non è ‘user friendly’. Questo vale ancora di più quando si tratta di bambini. Mentre gli adulti possono provare anche a spendere un po’ di tempo su un sito, per capirne il funzionamento, i bambini che trovano un problema nell’usare un particolare sito usciranno immediatamente dal sito.

img4
esempio di progettazione di sito per bambini da moshi monsters

Anche se Moshi Monsters è stato sviluppato in Flash, si carica molto velocemente e mostra pochissimi segnali di ‘loading’. Un’altra cosa è che i bambini non vogliono dover aspettare che i file e i video vengano caricati. Questo è un fattore importante che deve essere preso in considerazione quando si progetta un sito per bambini. I progettisti devono cercare di evitare di tempi di caricamento lunghi o in alternativa, rendere il tempo di attesa relativamente chiaro, ad esempio facendo uso di una barra di avanzamento invece di una animazione, o di un testo che dice ‘loading’.

I bambini online hanno bisogno di essere divertiti

Mentre gli adulti usano principalmente Internet per ottenere informazioni, i bambini utilizzano Internet per trovare divertimento (in casi estremi, magari anche per fare i compiti!). I bambini vogliono fare giochi online o semplicemente divertirsi un po’ in generale. Quando il sito che si progetta per i bambini non è esclusivamente dedicato all’intrattenimento, può essere utile inserire alcuni elementi coinvolgenti come giochi o altre forme di materiale interattivo che potrebbero mantenere l’attenzione dei bambini.

img5

esempio di progettazione di sito per bambini da Funbrain. Funbrain include intrattenimento nella formazione, sotto forma di giochi educativi

Riassunto

Quando si progetta un sito web per bambini di età compresa tra i 3 ei 12 anni, è essenziale tenere a mente le differenze nell’utilizzo di Internet, fra i bambini, gli adolescenti e gli adulti. I bambini non hanno la comprensione degli adulti, o anche degli adolescenti. Essi sono più propensi a lasciare un sito web quando non soddisfa le loro aspettative giovanili.

L’autore

Jane QuiblyJane Quibly

Traduzione di

Mi chiamo Jane. Attualmente vivo a Londra e mi godo la lettura durante il tempo libero. Sono una ex giornalista ma al momento scrivo per una causa più vicino al mio cuore. Scrivo per Quib.ly, un forum online per i genitori, dove possono esprimere le loro preoccupazioni sulla la sicurezza dell’informazione digitale e la protezione online per i loro figli. Abbiamo esperti che forniscono risposte alle domande dei genitori. Oppure i genitori possono condividere le risposte tra di loro in base alla loro esperienza.

Stampa articolo in formato PDFScarica il file in formato PDF

Post A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *