Indici standard rivisitati: il tasso di rimbalzo – parte 2

Avinash Kaushik - Il web analytics

Di Avinash Kaushik

articolo orginale:

Standard Metrics Revisited #3: Bounce Rate

Seconda parte dell’articolo “Indici standard rivisitati n. 3: Il tasso di rimbalzo“.

Nella puntata precedente era stato descritto il significato dell’indice Bounce rate e di come si correla agli obiettivi di business. Inoltre era stato analizzato il primo degli mpieghi del Bounce rate: misurare il tasso di rimbalzo sull’intero sito.

2) Misurate il tasso di rimbalzo per ogni sorgente di traffico

Il vostro obiettivo è quello di rendervi conto se qualche sorgete vi sta spedendo un traffico eccezionale rispetto a tutte le altre. Nel vostro strumento di Web Analytics andate semplicemente su “Referring URL” o “Referring Site” e date un’occhiata, troverete una cosa come questa:

Bounce rate per sorgente di traffico

Per il sito in questione, Goolge Analytics mostra che sia myspace.com, che simplyhired.com non stanno mandando un gran traffico, mentre le campagne di marketing diretto (posizione 2 e 3) sembrano andare molto meglio.

Azione: Avete bisogno di rivedere gli accordi con i siti che non vi stanno mandando un traffico di alta qualità? Quale richiamo all’azione è responsabile di portare sul vostro sito gente che poi rimbalza? Le vostre campagne di email, i siti affiliati e le atre campagne di marketing, producono un basso tasso di rimbalzo?

Avete afferrato il concetto.

3) misurate il tasso di rimbalzo per le vostre parole chiave.

I motori di ricerca sono i re e quindi probabilmente vi stanno mandando una larga fetta di traffico. Determinate la qualità del traffico che proviene dai motori di ricerca. Oltre a guardare solo il livello aggregato (la riga dei totali dell’illustrazione sottostante) osservate anche ogni singola frase.

Bounce rate per parola chiave

In questo report di ClickTracks, osservate come ogni parola o frase da risultati differenti a seconda del motore di ricerca. Gustosa informazione di valore pratico, utile all’istante!

Azione: Quando create campagne SEO e SEM assicuratevi che i responsabili abbiano questi dati. Nel caso illustrato, o la frase “competitive intelligence” non ha niente a che vedere con il vostro contenuto (da cui il 90% di rimbalzo), oppure il traffico sta arrivando sulle pagine sbagliate.

Fine della seconda parte.

N.d.T. – Nella parte 3 misureremo il tasso di rimbalzo per le campagne PPC e per le pagine più trafficate.

Avinash Kaushik

Traduzione di

 

Stampa articolo completo Scarica il file in formato PDF

 

Elenco Articoli di Avinash Kaushik

Comments
  1. luca

Post A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *