Come lo spam organizzato sta prendendo il controllo dei risultati di Google

attacco a Google

Di Rouven Balci

SEOmoz

articolo orginale:

How Organized Spam is Taking Control of Google’s Search Results

28 gennaio 2011

Nei mesi scorsi, ho osservato una tendenza molto inquietante svilupparsi nei risultati di Google, su ricerche di ecommerce molto competitive. Sembra che siano state allocate enormi somme di denaro per manipolare sistematicamente e con successo, le keyword di ricerche altamente competitive, al fine di vendere merce contraffatta di quasi tutti i marchi in circolazione. Alcuni di questi siti esistono anche solo per rubare i soldi della gente senza spedire niente.

Siate certi che non sto parlando di persone che stanno facendo un buon link building o che hanno acquistato un sacco di link. Queste operazioni di cui parlo sono molto, molto più in grande scala ed in tutti i casi, quasi certamente gestite da qualche genere di organizzazione criminale. Non solo influenzano notevolmente i risultati della ricerca negli USA, ma sono anche molto presenti, almeno nel Regno Unito, Francia e Germania.

In questo articolo vi mostrerò alcuni esempi di ricerche di Google, dove i risultati sono assolutamente sballati (e per sballati voglio dire che 10 link su 10, della prima pagina dei risultati della ricerca, sono del tutto fraudolenti). Vi mostrerò anche con precisione come hanno ottenuto questi posizionamenti e daremo un’occhiata a quale potrebbe essere l’impatto sui consumatori. In ultimo, ma non meno importante, cercherò di aiutarvi a riconoscere questi tipi di siti web, in modo da poterli evitare, man mano che diventano sempre più difficili da identificare.

Reperto A (“nfl jerseys”)

Come nostra prima parola chiave da esaminare, cominciamo con “nfl jerseys”. Se si dà un’occhiata ai risultati della ricerca negli Stati Uniti su google.com, con la ricerca personalizzata disabilitata (aggiungere &pws = 0 ad ogni URL delle SERP), si troverà un elenco di siti che sostengono di vendere il prodotto di abbigliamento suddetto, ad un prezzo notevolmente scontato. Tali fortissimi sconti, possono essere trovati su quasi tutti questi negozi falsi; molti arrivano fino al 75% di “risparmio”.

Ecco la pagina del motore di ricerca così com’era il 4 gennaio 2011:

esempio 1 di spam

(Nota: non sto cercando di “denunciare” nessun sito in particolare, per cui ho rimosso tutti i nomi di dominio dalle schermate)

Come si può facilmente vedere, tutti questi siti presentano un ‘keyword stuffing’ (testi infarciti di parole chiave) ridicolo, nei titoli delle loro homepage, così come il termine “jersey” all’interno del nome di dominio; entrambi le cose, molto comuni tra questi siti. Il risultato numero 5 contiene addirittura caratteri cinesi.

Nel momento in cui scrivo, l’intera prima pagina dei risultati è composta da siti fraudolenti. In altre parole, i risultati naturali di Google sono diventati del tutto inutili per questa frase di ricerca.

Reperto B (“pandora jewelry”)

Come secondo esempio [pandora jewelry], anch’esso un marchio molto popolare e molto rispettato. Le posizioni 3, 5, 7, 8, 9 e 10 sono una frode, il che si traduce in un 60% di risultati inutili.

esempio 1 di spam

Reperto C (“Thomas Sabo”)

Guardando la pagina dei risultati per [Thomas Sabo], si avverte come un déjà-vu. Un altro marchio di gioielli, un’altra ondata di negozi potenziati artificialmente, che spediscono o copie contraffatte, o semplicemente niente di niente: i risultati 3, 4, 5, 6, 8, 9 e 10 non dovrebbero stare assolutamente lì (70%).

esempio 2 di spam

Tutti questi siti cercano di apparire il più legittimi e ufficiali possibile.

Provate da voi

Prima di immergerci nei dettagli, vi esorto a dare un’occhiata a risultati di Google per queste stesse interrogazioni. Provate a cercare anche altri marchi; quasi tutte le marche popolari sono sempre più interessate da questo problema.

Come lo fanno

Ora che vi ho mostrato quanto seriamente Google sia danneggiato, diamo uno sguardo al motivo per cui Google posiziona questi siti così bene. Dal momento che dopo tutto, questi non sono negozi legittimi, è ovvio che non vi è nessun tipo di “branding bonus“, né beneficiano di una reale attività sui di media. C’è solo una cosa che porta a questi ranking; avete indovinato: link pesantemente infarciti di keyword.

A questo punto, la domanda interessante è: questi siti da dove ottengono i loro link (ricchi di keyword)?

Ho dato un’occhiata a molti di questi siti ed ho scoperto che il profilo dei loro link è costituito essenzialmente da due tipi di link: forum automatizzati e blog fasulli (spam), insieme ad alcuni siti web legittimi, manipolati da pirati informatici.

Diamo uno sguardo alla variazione del testo dei link, per il sito in prima posizione, per “nfl jerseys”:

distribuzione dei link caso 1

Secondo Site Explorer, questo sito ha anche una page authority di 64 ed una domain authority di 57.

I migliori suggerimenti di Google per i “gioielli Pandora” sono simili:

distribuzione dei link caso 2

E il primo risultato per “thomas sabo”:

distribuzione dei link caso 3

Potreste essere sorpresi di veder funzionare così bene, il vecchio semplice spamming, perpetrato dai forum, ma permettetemi di chiarire una cosa: non è che Google non penalizzi o de-indicizzi qualcuno di questi siti; li vedo andare e venire su base giornaliera (anche se alcuni in realtà sembrano rimanere lì per settimane o addirittura mesi). Tuttavia, queste persone (o meglio, organizzazioni) riversano una massa così imponente di questi siti nel web, che Google, ovviamente, è in difficoltà a tenere il passo.

In qualche modo, e questa è la mia opinione personale, tutto ciò potrebbe essere collegato agli aggiornamenti di Caffeine: Google adesso effettua scansioni dei siti ed il calcolo del ranking, molto più velocemente di quanto abbia mai fatto prima, ma sembra che la qualità della ricerca globale ne abbia sofferto in modo determinante negli ultimi 6 mesi o giù di lì.
Inoltre, i link piazzati su siti web piratati sono molto difficili da individuare algoritmicamente. Certo, molti di questi link non sono visibili all’occhio umano e dovrebbero allertare l’algoritmo, in quanto Google è capace di ‘renderizzare’ ogni pagina (determinarne l’aspetto visuale n.d.t.), ma nel suo complesso, non è un problema paragonabile al dover catturare i messaggi automatizzati su decine di migliaia di forum, in giro per il web.

Ciò che comunque a Google avrebbero dovuto impostare, come segnale di allarme, sono gli schemi di crescita dei link. Diamo uno sguardo ai primi tre risultati di “nfl jerseys”:

schema accrescimento link

Due di questi siti hanno iniziato a fare spamming dal mese di aprile 2010 e sono ancora nei loro posizionamenti nel mese di gennaio 2011 (pensate un po’).
Lo stesso vale per “pandora jewelry” e “thomas sabo”:

schema accrescimento link

schema accrescimento link

Adesso avete chiaro cosa voglio dire.

Cosa deve fare Google per riparare a tutto questo

Rand ne ha già parlato ed il suo consiglio è immediatamente applicabile a questo problema: Google deve abbassare ancora di parecchio il valore che attribuisce ai testi dei link, ricchi di parole chiave.

Pensateci: se Google non avesse affatto preso in considerazione il testo dei link per questi siti, nessuno di loro avrebbe probabilmente raggiunto posizioni nemmeno vicine alle prime 10. I loro link provengono da fonti molto diverse e quasi nessuna di queste fonti è nemmeno lontanamente correlata a ciò che fingono di vendere.
Fintanto che i testi dei link avranno più rilevanza dei link da siti effettivamente correlati, questo fenomeno non scomparirà. Tra l’altro, lo stesso vale per i domini con esatta corrispondenza delle parole chiave.

Mi rendo conto che il testo dei link è molto importante, ma il suo abuso ha raggiunto un punto in cui non è più un segnale di ranking così affidabile, quanto è considerato attualmente. Diamine, ho visto veramente dei siti web in posizione 3 per questi termini, con una sola frase nella pagina: “sotto sequestro del dipartimento della sicurezza nazionale”.

Che cosa significa per i SEO

Google ha un problema serio e sono sicuro che ci lavoreranno senza sosta per un bel po’.

Per i SEO significa che tutto ciò che sta funzionando per i siti menzionati in questo articolo, probabilmente smetterà di funzionare presto. Non sarei sorpreso di vedere Google spostare ancora più potenza dai segnali dei testi dei link, verso le conversazioni pertinenti sui social media. Ho la sensazione che stia già acquisendo più peso mentre ne parliamo.

Naturalmente, anche i tweet e gli aggiornamenti di stato possono essere spam, acquistato e fasullo, ma almeno darà a Google un po’ di tempo.

Questa battaglia non finirà mai e non sarà mai vinta da nessuno. Mai.

Dal punto di vista del consumatore, come si identificano questi siti
Siccome non voglio che qualcuno di voi ordini da questi tizi e riceva merce contraffatta o non riceva niente del tutto, ecco alcuni consigli per identificarli:

La maggior parte di questi siti:

  • offrono sconti irrealistici (sconti del 50% o più sono pressappoco ovunque)
  • non hanno alcun indirizzo postale reale
  • hanno solo un form di contatto, oppure …
  • … per contattarli forniscono solo un indirizzo di posta GMail o Hotmail
  • espongono troppi logo di garanzia e sicurezza nei loro piè di pagina
  • sono scritti in un inglese stentato

Considerando che la maggior parte dei siti di cui ho parlato in precedenza, già si posizionavano nelle prime posizioni, quando cominciavano gli acquisti delle feste di natale, posso solo immaginare il danno prodotto a migliaia di famiglie e singoli individui.

Vi prego di essere cauti e ricordate che se un affare sembra troppo bello per essere vero, molto probabilmente non lo è.

Poiché questo è il mio primo articolo per SEOmoz, per favore fatemi sapere nei commenti, se vi è piaciuto e nel caso, tributatemi un “pollice su”. Nel caso in cui siate anche stati coinvolti da questo tipo di frode personalmente, mi piacerebbe sentire la vostra esperienza.

Rouven Balci

SEO a Toms Gutscheine www.tomsgutscheine.de/

Traduzione di

L’articolo esprime le posizioni proprie dell’autore (esclusa l’eventualità remota che sia sotto ipnosi) e può non rispecchiare le opinioni di SEOmoz, Inc.

SEOmoz non è affiliato con questo sito e non ha visionato questa traduzione. SEOmoz fornisce i migliori strumenti e risorse SEO del Web.

Stampa articolo Scarica il file in formato PDF

Latest Comments
  1. dario

Post A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.