Dai Twits a Tweeple, perché ho adottato Twitter e perché dovreste farlo anche voi – Parte 1

Di Jennifer Laycock

Search Engine Guide

articolo orginale:

Part One: From Twits to Tweeple, Why I Embraced Twitter and You Should Too

31 gennaio 2008

Non è un segreto che io sia scettica, quando si tratta di mode dei social media. Non sono mai stata una fan di Digg, ancora oggi non sono rapita dal fascino di Facebook e sono più che stanca del diluvio di inviti che si riversa nella mia e-mail, ogni volta che la gente scopre “l’ultima grandiosa nuovità”.

Probabilmente è per questo che ho sempre scartato Twitter come un idea abbastanza sciocca, indicativa del nostro bisogno di trasmettere in questo esatto momento, ogni dettaglio della nostra vita al mondo (perché poi, vi interessa davvero sapere che la persona X è appena tornata a casa dalla palestra?).

Detto questo, degli amici che lavorano nel mio campo, alla fine mi hanno convinta a entrare in Twitter, proprio dopo il primo dell’anno. Dopo tutto, non si dovrebbe criticare qualcosa fino a quando non la si è provata, giusto?
Lo sto provando ormai da un mese e devo ammettere che avevo assolutamente torto.

Certo, c’è gente che inonda Twitter con sciocchezze senza senso, ma Twitter dispone anche di una vivace comunità che sfrutta lo strumento in modi interessanti e riunisce le persone come solo una tecnologia veramente buona è in grado di fare. Mi ero ripromessa di dare a Twitter, un mese, per convincermi: quel mese è terminato e Twitter mi ha convinta.

Adesso che ho avuto il tempo di immergermi a fondo nel servizio, sperimentarlo, imparando alcuni dei dettagli più sottili, ho pensato che fosse giunto il momento di scrivere una guida al servizio, nello stile di Search Engine Guide. Questa serie articolata in più parti, coprirà tutto quanto: da come aprire un account ed avere persone che vi seguono, fino alle più sottili questioni di marketing e networking. Non è un’opera che può interessare tutti, ma per me certamente si è dimostrata utile nell’applicazione pratica.

Cos’è Twitter?

Twitter è stato definito una forma di “micro-blogging”; mi uniformerò alla definizione della maggioranza, ma in verità non sono sicura che sia la migliore. Nel mese che l’ho usato, l’ho visto più come una chat room aperta. L’idea di base di Twitter è quella di consentire agli utenti di trasmettere a tutti brevi messaggi (noti come “tweets”, cinguettii) a chi sceglie di riceverli. E ‘un servizio gratuito che è stato progettato con i telefoni cellulari in mente, ma che permette agli utenti di collegarsi tramite il sito web di Twitter, le applicazioni IM (Instant Messaging) ed anche con ogni genere di applicazioni per Twitter.

La gente usa Twitter come una forma di comunicazione. Pensate a Twitter come ad un messaggio istantaneo che viene inviato ad una miriade di persone contemporaneamente. Se volete far sapere ai vostri amici che stasera state andando al vostro bar preferito, potete sparare a tutti un messaggio rapido, senza dover inviare una dozzina di e-mail. Se desiderate un feedback su un’idea, potete saggiare la vostra rete di conoscenze, ponendo una domanda veloce. Se volete semplicemente saperne un po’ di più su persone di cui avete sentito parlare on-line, potete seguire i loro tweets e “origliare” in modo accettabile. Riguardo a questo, ho trovato un certo numero di ragioni pratiche per usare Twitter, che spiegherò più avanti nella serie.

Creare un account

Iniziare a “Twittare”, non potrebbe essere più semplice; dovete semplicemente andare sul sito di Twitter e cercare il bottone “Registrati ora >”.

img01

Poi seguite un semplice processo di registrazione piuttosto standard per stabilire il vostro nome utente e l’indirizzo e-mail associato.

img02

Quando create l’account, nello scegliere la vostra user name, è meglio che ci pensiate un po’; è consigliabile propendere per il vostro nome completo (per esempio, io comunico su Twitter come “JenniferLaycock“) oppure può essere utile per spingere il marchio del vostro sito web. (Robert Clough si presenta come “SmallBizAnswers”) Ambedue le strade rendono molto più facile per la gente, trovarvi e seguirvi, di quanto non sarebbe se aveste scritto “nomeacaso1234”.

Una volta impostato l’account, dovete trovare l’aggancio con alcuni altri utenti. Dopo tutto, se ve ne restaste là, solo per inviare messaggi a voi stessi, Twitter diventerebbe presto piuttosto noioso. Come parte del processo di registrazione, Twitter vi aiuta a trovare i vostri amici. Per far questo, dovete consentire l’accesso temporaneo ad un vostro account email, ma può essere un modo rapido per trovare su Twitter le persone che si conoscono.

ing3-bis

Una volta che Twitter ha esplorato il vostro account, vi verrà restituito un elenco di contatti che già usano Twitter. È possibile selezionarne alcuni o tutti e poi fare in modo che Twitter li carichi automaticamente fra i contatti da seguire o quelli che vi seguono.

trovati contatti su Twitter

Twitter può anche generare un elenco dei contatti che non dispongono ancora di un account e vi permette di selezionare quelli che volete invitare ad entrare. Se siete l’ultimo dei vostri amici ad unirsi a Twitter, questo sarà un elenco breve. Invece per la maggior parte del mondo, questa sarà una lista molto lunga. (suggerimento: non fate spam mandando a tutti quelli che conoscete un invito per Twitter. Prendetevi il tempo di sfogliare questa lista e di invitare solo le persone che avete un reale interesse a seguire e che pensate potrebbero avere un reale interesse a seguirvi).

Personalizzazione del profilo

pannello principale Twitter
Una volta impostato l’account e inviate le e-mail ai vostri amici, sarete riportati alla home page di Twitter con l’invito a partecipare alla conversazione. Prima di fare questo, vi suggerisco di guardare il pannello di controllo, sul lato destro dello schermo.

Quel box mostrerà il vostro avatar, che all’inizio è un insieme predefinito di occhi su uno sfondo marrone (adesso è la sagoma di un uccellino – n.d.t.) e la vostra user name.

gli avatar di default su Twitter

Tiene traccia anche di quante persone vi stanno seguendo e che vi seguono, quanti messaggi diretti avete ricevuto e quanti tweets avete ‘postato’.

Se guardate nel menù in alto a destra della

finestra, noterete un link che dice “Profilo”.
Non stupitevi se quando si fa clic su questo link, vedete una pagina che dice semplicemente “non ancora aggiornato!” (attualmente la schermata è la seguente – n.d.t.).

Il profilo Twitter

La prima volta che l’ho visto, mi chiedevo se dovessi fare un post prima di poter aggiornare le informazioni del profilo, ma non è questo il caso. Basta cliccare sull’immagine con il simbolo ‘+’ accanto alla vostra user name e potrete passare rapidamente nella sezione del profilo completo.

inserire l'mmagine dell'avatar su Twitter

Una volta che siete nella sezione di aggiornamento del profilo, vi verrà chiesto di caricare un’immagine da utilizzare come avatar. È possibile caricare una foto di voi stessi, oppure potreste voler essere associati al logo della società. Tenete a mente che questa immagine apparirà accanto ai vostri post e verrà visualizzata anche quando un utente vede la lista degli utenti Twitter che sta seguendo. (Suggerimento: un avatar che si distingue dalla massa, può davvero catturare l’attenzione di chi sta cercando, chi segue un particolare utente).

Successivamente sarà necessario creare una breve biografia e l’elenco degli URL dei vostri siti web.

img08

Per completare il profilo, nella voce di menù “Impostazioni”, si ha anche la possibilità di rendere privati i vostri tweets. Questo significa che i vostri tweet verranno visualizzati solo dai seguaci approvati. In questo caso dovrete allocare il tempo per approvare manualmente tutti coloro che vogliono seguirvi; in compenso, conferisce un livello piacevole di privacy a tutti coloro che sono preoccupati che gli estranei leggano i loro tweets.

privacy su Twitter

Una volta che avete fatto conoscere alla gente qualcosa di più su chi siete, dovete far sapere a Twitter come desiderate ricevere i messaggi (updates). Certo, si può andare sul sito web a leggerli, ma credetemi, questo modo diventerà vecchio molto presto. Anche se ci sono un certo numero di applicazioni di terze parti (che tratterò più avanti in questa serie), le due opzioni di default sono tramite il telefono cellulare e mediante un Instant Messenger (Adesso sotto la voce di menù “Impostazioni” c’è un sottomenù con l’opzione “Cellulare”, ma al momento Twitter, per l’utenza italiana, non ha uno “short code” a cui spedire i messaggi e riceverli e neppure un “long code” da cui riceverli solamente http://support.twitter.com/articles/14226-how-to-find-your-twitter-short-long-code – n.d.t.).

Twitter via SMS

Inviare e ricevere gli update (i Tweets)

Tenete presente che se sottoscrivete il servizio di notifica telefonica sul cellulare e cominciate a seguire un sacco di gente, verrete seppelliti dagli SMS e se avete un limite agli SMS gratuiti, verrete seppelliti anche dalla prossima bolletta telefonica (adesso è possibile scegliere gli utenti di cui ricevere gli uodate via SMS – n.d.t.). Una soluzione migliore, se si utilizza già un programma di tipo Instant Messenger, è quello di incanalare semplicemente i messaggi attraverso di lui. (passerete ad una applicazione Twitter più avanti, quando avrete imparato i rudimenti).

Twitter si integra facilmente con GoogleTalk, LiveJournal IM, AOLIM e Jabber, quindi se utilizzate uno di questi programmi di chat, potete essere online da subito.

Una volta che avrete registrato il vostro telefono cellulare o l’account di un programma instant messenger, sarete pronti per inviare tweets da ciascuno di questi canali. Sul telefono cellulare dovete solo inviare il vostro messaggio al 40.404 (per tutti gli atri paesi per i quali Twitter non fornisce uno short code, come l’Italia, si deve usare +44 762 4801423 – n.d.t.). Twitter utilizzerà l’ID chiamante per abbinare il vostro cellulare con il vostro account e trasmettere il messaggio al mondo. Se si sta utilizzando GoogleTalk o Jabber, avrete bisogno di aggiungere twitter@twitter.com come se fosse un amico. Se siete su l’instant messenger di AOL, dovrete aggiungere “TwitterIM” alla lista degli amici.

Infine, si possono modificare le impostazioni della pagina principale di Twitter, per personalizzarla. In questo modo, ogni volta che qualcuno visita il vostro sito personale di Twitter, avrà un assaggio della vostra personalità, o del marchio, o di qualsiasi altro aspetto si voglia comunicare.
Per esempio, ecco la Twitter page predefinita dell’account SearchEngineGuide che ho appena creato:

pagina Twitter di default

Ed ora la mia pagina personale di Twitter, che ho personalizzato:

Pagina personalizzata di Twitter

Siate brevi

Ricordate, i tweets sono limitati a 140 caratteri. Questo non è molto in termini di condivisione del pensiero, ma l’obiettivo di Twitter è quello di comunicare pensieri a raffica. Per gente prolissa come me, il limite dei 140 può essere duro, ma è un buon modo per assicurarsi di non dire più di quanto è necessario.

Questo è sufficiente per iniziare con un account su Twitter. Negli articoli di questa serie mi addentrerò un po’ più in profondità nel sistema Twitter; spiegherò meglio l’idea dei followers (chi ci segue) e di chi seguiamo (following) e come comunicare pubblicamente a utenti specifici. Spiegherò anche come inviare messaggi diretti (privati) e le modalità per controllare le risposte di persone che non stiamo seguendo. Scenderò in maggiori dettagli anche su come espandere la rete dei seguaci e sulla necessità di trovare nuove persone da seguire. Per sicurezza, vi fornirò una guida al gergo di Twitter che vi aiuti strada facendo.

Jennifer Laycockjennifer laycock small

Questo articolo è stato ripubblicato con l’autorizzazione di Search Engine Guide. Per altri articoli e informazioni, visitate il sito http://www.searchengineguide.com/

Traduzione di

Stampa articolo Scarica il file in formato PDF

Elenco Articoli di Jennifer Laycock

Post A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *