Dai Twits a Tweeple, perché ho adottato Twitter e perché dovreste farlo anche voi – Parte 2

Di Jennifer Laycock

Search Engine Guide

articolo orginale:

Part Two: From Twits to Tweeple, Why I Embraced Twitter and You Should Too

1 febbraio 2008

Non si può negare che aprire un account su Twitter sia una cosa facile. Cinque minuti del vostro tempo e siete pronti per partire. E’ altresì innegabile che Twitter sia luogo molto, molto solitario, se non avete amici. Oggi, ci tufferemo nel sistema “followers / following” di Twitter ed impareremo come si può usare Twitter per comunicare davvero con la gente.

Se vi siete uniti adesso a questa serie, assicuratevi di tornare indietro e leggere la prima parte, in cui ho dato le indicazioni passo dopo passo su come fare per avere un account Twitter pronto e funzionante

Fate nuove amicizie ma mantenete quelle vecchie

L’essenza di Twitter è quello di comunicare. Poiché comunicare a se stessi diventa presto piuttosto noioso, è meglio cominciare cercando alcune persone da seguire e invitare le persone a seguirvi. Nella prima parte di questa serie ho spiegato come potete usare i vostro account di posta elettronica per trovare e seguire le persone. Una volta esaurito l’elenco, vi consiglio di cominciare a cercare altre persone nuove da aggiungere.

Avatar followingIl modo più semplice per farlo è trovare qualcuno con interessi simili, cheusa Twitter ed iniziare dando uno sguardo ai loro followers. Quando sono entrata in Twitter, ho cominciato cercando l’elenco delle persone che Mack Collier stava seguendo. Sono una fan del blog di Mack e sapevo che sarebbe stato in contatto con un sacco di grandi menti del marketing.

Qui a sinistra potete vedere una schermata di chi sta seguendo. Notate che quando il mouse passa su un avatar, si vede la user name dell’utente Twitter. Da lì, ho deciso di aggredire il mondo SEO ed ho iniziato a guardare gli elenchi delle persone che Debra Mastaler e Degeyter Stoney seguivano.

È importante notare che quando si seguono degli utenti di Twitter, Twitter manda loro una nota facendogli sapere che avete cominciato a seguirli. Generalmente quando questo accade, l’utente va a leggere il vostro feed e poi decide se vuole seguirvi a sua volta. In altre parole, seguire altri utenti di Twitter è un ottimo modo per farvi seguire da altri utenti di Twitter.

Quando seguite un numero rispettabile di persone (diciamo una cinquantina) diventa improvvisamente molto più facile espandere la vostra rete. Mentre osservate le conversazioni delle persone con più followers di voi, potrete individuare degli utenti Twitter, che ancora non seguite. Quando vedete spuntare questi nomi potete facilmente andare sulla loro pagina di Twitter per dare un’occhiata alle loro conversazioni e decidere se volete seguirli.

Analogamente la stessa cosa accadrà quando altri utenti di Twitter individueranno i vostri amici nuovi di zecca che vi inviano messaggi.
Chiarito questo aspetto, passiamo alla spiegazione di come individuare questi nomi nei messaggi delle altre persone.

Cosa sono tute queste ‘@’ ?

La prima cosa che noterete quando inizierete ad usare Twitter, è il numero di commenti in cui ci si imbatte con ‘@username’

img2

Se siete sul sito di Twitter a leggere i post, ognuno di questi @username è un link. Se accedete a Twitter da un client di tipo Instant Messenger, verranno semplicemente visualizzati come testo.

Dal momento che Twitter è fondamentalmente uno strumento di comunicazione verso tutto il mondo (broadcast), gli utenti hanno bisogno di un modo per far sapere al mondo che stanno rispondendo a una persona specifica. Qui è dove entra in gioco @username: se voglio far sapere agli utenti di Twitter che sto parlando direttamente ad una persona specifica, devo usare @username nel mio post. Questo non solo dice al mondo che state avendo una conversazione con quella persona, ma garantisce anche ai destinatari che appaia nella loro area “Messaggi diretti” di Twitter.

Ecco un esempio di un messaggio che ho inviato questa mattina in risposta ad un post fatto da Lee Odden.

img3

Ricordate, Twitter non è solo la pubblicazione dei propri pensieri, consiste anche nel coinvolgere altri utenti nella conversazione, ecco perché il comando @username è così pratico.

Invece, se volete inviare un messaggio all’intera comunità di followers, dovreste digitare semplicemente un messaggio come questo:

messaggio broadcast

Non dimenticate di controllare le risposte

Dal momento che potreste finire per non riuscire a seguire tutti quelli che vi seguono, è una buona abitudine ogni tanto andare su Twitter e controllare le risposte (quelle pubbliche, non quelle dirette). Per farlo, fate semplicemente login su Twitter e fare clic sul link “@vostra-username”, a destra della pagina.

sezione dei messaggi diretti

Questo vi farà vedere una lista di tutti i tweet, con dentro @vostra-username, che sono stati inviati.

lista messaggi con riferimento al nostro account

Può significare che erano post inviati direttamente a voi, oppure che erano post in cui qualcuno stava parlando di voi. In entrambi i casi è un sistema valido per individuare commenti che potrebbero altrimenti sfuggirvi. E’ anche un ottimo modo con cui le persone possono diventare visibili sul vostro schermo radar, così che cominciate a seguirle.

Imparare i Comandi di Twitter

Anche se quasi tutto ciò che dovete fare sul vostro account Twitter potete gestirlo nella home page, è molto più facile se imparate almeno alcuni comandi.

I comandi di Twitter vi permettono di invitare, seguire, smettere di seguire, attivare e disattivare i messaggi degli utenti, controllare le statistiche e una varietà di altre cose, dal dispositivo che utilizzate per accedere a Twitter.

Comandi semplici:

  • follow username – Su usa per seguire e ricevere gli update da questa persona. Nota: in questo caso non dovete mettere la ‘@’ davanti al nome utente.
  • On username – Se seguite già un utente, ma avete optato per non ricevere li suoi uptate per il vostro Instant Messenger o per il cellulare, è possibile utilizzare questo comando per attivare la lettura dei suoi tweets.
  • off username – Se desiderate continuare a seguire un utente, ma non volete ricevere più gli update sul vostro Instant Messenger o sul cellulare, utilizzate questo comando per smettere di ricevere i loro tweets. Comunque sarete ancora in grado di leggerli dalla vostra home page di Twitter.
  • help – Questo comando restituisce l’elenco dei comandi, come quella che vi sto dando qui. Se tanto per cominciare volete imparare solo un comando, allora scegliete help.
  • stats – invia un aggiornamento rapido di quante persone vi seguono e di quante ne state seguendo.

Invio di messaggi diretti:

Messaggi direttiAnche se Twitter, in termini generali è concepito come una forma di comunicazione di massa, è possibile utilizzarlo anche per inviare un messaggio diretto ad un utente specifico. Questo può essere particolarmente utile se si desidera inviare un messaggio a un utente di Twitter di cui non avete un indirizzo e-mail (per combattere lo spamming è stato poi introdotto il vincolo che i messaggi diretti si possono inviare solo ai followers – n.d.t.).

L’invio di questi messaggi è abbastanza facile. È sufficiente digitare

"d username testo-del-messaggio"

in qualsiasi programma utilizziate per inviare i vostri tweets. (anche stavolta, non è necessario mettere la ‘@ ‘davanti alla username). È inoltre possibile inviare un messaggio diretto andando alla pagina di Twitter di un utente e cliccare su “messaggio diretto” nella colonna di destra.

Dal momento che gli utenti possono scegliere ricevere i messaggi diretti sia nella loro e-mail che in Twitter, questo può anche essere un buon modo per mandare un messaggio a qualcuno che al momento non sta prestando attenzione ai propri loro feed Twitter.

Il gergo di Twitter

Su Twitter i termini in gergo non mancano, ma alcune frasi ricorrono più di altrie Tra i più comuni:

Tweet – E’ il modo in cui si chiama un messaggio inviato via Twitter (anche twittare). Come in “twitterò quel link “.

Tweeple – Agli inizi della mia avventura in Twitter, mi ritrovai a chiedermi se gli utenti Twitter erano “twits”. Non mi ci volle molto ad imparare che preferiscono essere chiamati “tweeple”.

Mistweet – Questo è un messaggio di Twitter che vorreste non aver mai inviato. Purtroppo, con così pochi caratteri consentiti per ogni post, la gente a volte è un po’ più sintetica di quello che dovrebbe. Una scelta sbagliata delle parole può dare origine ad una inattesa forte reazione della parte che si è sentita offesa.

Tweetup – E’ quando un gruppo di utenti di Twitter si riuniscono per un “incontro di persona”. Twitter ha una sua pagina Tweetup, ma mentre scrivevo questo articolo non attiva. Potete anche seguire l’account Tweetup su Twitter per avere le ultime notizie sulle prossime manifestazioni.

Twoosh – Questo è un Tweet perfetto: 140 caratteri.

Twitterbait – Anche se sono sicura che qualcun altro lo ha già coniato, è qualcosa che mi succede di osservare di tanto in tanto. Gli utenti attirano un utente popolare a rispondere con un messaggio diretto @username. Questo agli occhi della rete, pone la username dell’utente adescatore, a fianco all’utente più popolare e può produrre un certo numero di nuovi followers.

State pronti per la terza parte

Ora che abbiamo appreso le basi di come seguire le persone, contattarle per nome e tramite un messaggio diretto, tenere traccia delle risposte ed appreso il gergo di Twitter, per noi è tempo di passare a qualche applicazione pratica. Nel prossimo articolo di questa serie metterò in evidenza, come Twitter possa essere usato come un potente strumento di rete. Farò anche alcuni esempi di come Twitter permetta alla gente di connettersi in modo nuovo e insolito.

Jennifer Laycockjennifer laycock small

Questo articolo è stato ripubblicato con l’autorizzazione di Search Engine Guide. Per altri articoli e informazioni, visitate il sito http://www.searchengineguide.com/

Traduzione di

Stampa articolo Scarica il file in formato PDF

Elenco Articoli di Jennifer Laycock

Post A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.