Il restyling di un sito è una strategia sbagliata

Di Gerry McGovern

articolo orginale:

Web redesign is bad strategy

Se state pensando di ridisegnare il vostro sito fatevi questa domanda: stiamo mettendo carta da parati per coprire le crepe?

Prendiamo la famiglia Jones. Sono in sei, non contando due grossi cani e due gatti. Quattro anni fa si spostarono in una casa nuova di zecca. Era una casa magnifica, ma i Jones erano un bel po’ disordinati.

Pezzo dopo pezzo la casa diventò sempre più un disastro. I cani grattarono via la vernice dalle porte. I gatti urinavano nei posti sbagliati e non veniva mai pulito esattamente a fondo. I ragazzi lasciavano sotto il letto i loro calzini puzzolenti che col tempo svilupparono il loro piccolo ecosistema.

I Jones decisero che qualcosa di drastico doveva essere fatto. E’ tempo di restyling, pulizie primaverili massive. Stanno apprestandosi a ridipingere la casa da cima a fondo; hanno ordinato un grosso cassonetto per l’immondizia e per tutte quelle cose che avrebbero dovuto buttare via anni fa.

Al termine del restyling dei Jones, ogni cosa apparirà splendente per un po’. Ma a meno che essi non cambino il loro stile vita, in altri quattro anni avranno da fare un nuovo restyling. La maggiore differenza fra la casa dei Jones ed il vostro sito Web è che i vostri clienti chiedono di visitarlo e di spendere lì il loro tempo.

Il ridisegno di un sito Web è quasi sempre una cattiva idea perché riflette un approccio “a progetto”. I migliori siti Web non sono gestiti semplicemente come progetti ma piuttosto come processi.

L’approccio del ridisegno di un sito è generalmente adottato da organizzazioni che stanno reagendo al fatto che i loro siti sono in sfacelo. Qualcosa non sta funzionando ed il convincimento è che un restyling gradevole, un po’ di bella grafica e colori e forse l’acquisto di un qualche software decorativo per la gestione del contenuto risolverà il problema.

Questo approccio è stendere carta da parati per coprire le crepe. Le crepe sono la mancanza di risorse per gestire professionalmente il sito giorno per giorno. Le crepe sono la mancanza di focalizzazione sul cliente e la mancanza di continue sperimentazioni ed evoluzioni. Le crepe sono la mancanza di un rigoroso processo di revisione per assicurare che solo il contenuto di qualità rimanga sul sito.

Il restyling di un sito è anche spesso il prodotto della noia o dell’insediarsi di nuovi dirigenti. Il gruppo che gestisce il sito o il marketing è annoiato dal vecchio sito. Vogliono rinfrescarlo. Mi viene da domandarmi: quanto sarebbe sopravvissuto Google con queste persone, se avessero detto di essere stanchi della sua home page?

Il ridisegno di un sito Web dovrebbe essere l’ultima risorsa. Se il vostro sito è un disastro obsoleto ed i vostri clienti lo detestano così tanto da disertarlo, allora un restyling ed una revisione radicale potrebbe essere opportuna.

Ho visto siti perfettamente a posto attraversare rifacimenti per tutte le ragioni sbagliate del mondo e sapete questi restyling chi danneggiano di più? I vostri clienti più fedeli. Perché loro utilizzano il vostro sito più di tutti.
Il rifacimento è generalmente una cattiva strategia. Infatti I rifacimenti sono quasi sempre perseguiti da organizzazioni che non hanno una strategia Web.

Gerry McGovern

Traduzione di

Post A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.